Come essere felici al lavoro (e non solo)

Essere felici al lavoro è possibile?

Se la prima cosa che hai pensato è “no” o “assolutamente no!”, ti consiglio vivamente di vedere il video che ho preparato per te (lo trovi poco più sotto) e di leggere l’articolo (in cui sviluppo alcuni punti del video).

Se hai pensato “sì”, qui troverai comunque begli spunti interessanti per continuare a portare (saggiamente) avanti la tua convinzione.

Comincio a svelarti una "folle" verità: il lavoro rende felici!

Vita professionale e personale sono due aspetti complementari e imprescindibili: se sei felice nella vita professionale, sarà più facile per te esserlo anche in quella privata. Se c'è qualcosa che non va nell'una, probabilmente gli effetti negativi si ripercuoteranno anche sull'altra.

La vita è una sola e ogni aspetto è strettamente correlato all’altro. Per cui, la tua felicità non prescinde solo dalla soddisfazione personale, ma anche da quella professionale.

Essere felici al lavoro dipende dunque da una serie di fattori, incominciando da essere felici con poco per sviluppare la gratitudine. E no, non è necessario lasciare il lavoro e vivere felici in qualche remota isola ai confini del mondo.

Sta di fatto che essere felici al lavoro è davvero possibile e ci eleva ad una vita migliore e ad entrate economiche più appaganti.

Ecco quindi il video che ho preparato per te e che ti consiglio di guardare subito.

Scoprirai 20 consigli pratici per essere felici subito (soprattutto oggi), in maniera etica e bella.

Quindi, buona visione e buona lettura!

Essere felici al lavoro trasformando il pensiero negativo

Lavoro e felicità possono andare di pari passo!

Se hai un tuo sito professionale con un Blog (bisogna sempre avere un sito e un Blog ben fatti!), ti consiglio la lettura del mio libro Blog per l'Anima.

Scoprirai come essere felici al lavoro curando il Personal Branding e approfondendo il lavoro su se stessi. Un bel percorso per far coincidere la crescita personale con quella professionale.

Per lavorare felicemente bisogna prima di tutto allenarsi a trasformare il pensiero negativo (non è possibile eliminarlo).

Mi spiego meglio.

Tutti gli esseri umani hanno la tendenza a rimuginare di più sulle brutte esperienze che su quelle positive. Non riescono ad essere felici con poco. È un adattamento evolutivo: imparare dalle situazioni pericolose o dolorose che incontriamo nella vita ci aiuta a evitarle in futuro e a reagire rapidamente in caso di crisi.

Ecco perché è importantissimo allenare il cervello a vincere i pensieri negativi.

Diventa padrone delle tue emozioni!

Diventa padrone delle emozioni che provi, riconosci le tue paure. Sfida il dialogo interiore limitante.

Scegli il tempo che ti è più congeniale per fare le cose e non smettere mai di imparare. La tua vita ti appartiene: solo tu, crescendo e formandoti incessantemente, puoi rallentare il tempo e non invecchiare mai.

Imparare e crescere è soprattutto una scelta consapevole, non sempre un processo che avviene in maniera spontanea. Se ci pensi, se bastasse lo scorrere del tempo per rendere le persone più edotte, ogni essere umano, passata una certa età, sarebbe un pozzo di cultura e scienza e invece affacciandoci alla vita ogni giorno ci rendiamo conto non essere proprio così.

La negatività è anche il risultato dell'insicurezza.

Può derivare da malattie, eventi, e, come molte cose nella vita, diventare un'abitudine tossica. Le critiche frequenti rivolte a chi ti sta vicino possono creare percorsi mentali che incoraggiano la tua infelicità. Parlar bene degli altri addolcisce la vita, parlar male avvelena la mente. E ci aiuta a lavorare felici.

La felicità non si compra, ma…

…ma si può imparare a usare il denaro per essere più felici!

Certo, occorre imparare prima ad essere felice con poco, per sviluppare la gratitudine, ma anche apprezzare la ricchezza.

Alcune volte ciò che pensiamo ci renderà felici in realtà non lo farà. Gli studi dimostrano che la felicità non deriva da più soldi o più cose. Anche i vincitori della lotteria non sono più soddisfatti di quelli che non vincono mai nulla (e che magari non giocano nemmeno, ma questo è un altro discorso).

Naturalmente, le persone veramente povere sono più serene con più soldi perché non devono preoccuparsi di avere abbastanza da mangiare, una casa o di pagare le medicine. Una volta, però, che le persone sfuggono alla povertà e raggiungono uno stile di vita di classe media o leggermente più alto, scoprono che maggiore capacità economica non si traduce sempre in felicità.

Quando otteniamo ciò che vogliamo (soldi, lavoro, amore, casa) potremmo avere un'esplosione di felicità, ma torniamo rapidamente al nostro precedente livello di soddisfazione. Iniziando immediatamente a pensare alla prossima cosa che ci renderà felici.

Una corsa senza fine che finisce per rendere insoddisfatti e scontenti di tutto. Allontanandoci anche da un lavoro felice.

Ma i soldi non sono assolutamente un male: se ben utilizzati, rappresentano un bene inestimabile.

Il trucco sta nell'acquisire, nel proprio stile di vita, i principi basilari dell'intelligenza finanziaria. Imparare, cioè, a gestire le risorse che si hanno a disposizione in modo efficace e a farle fruttare liberandosi dall'ansia e dallo stress generati, spesso, dal non conoscere.

L'intelligenza finanziaria ti aiuta a prendere in mano le redini della tua vita, a scegliere e a investire per il tuo benessere e quello della tua famiglia. Un modo concreto per sentirti libero e felice.

Leggi anche questo articolo di Forbes Italia su come essere felici al lavoro.

Come iniziare subito ad essere felici al lavoro

Come iniziare subito ad essere felici al lavoro (e non solo)?

Beh, se hai visto il mio video è già un ottimo inizio. Comincia mettendo in pratica i consigli che ti ho dato.

Ti consiglio anche la lettura di questo bellissimo libro, che personalmente mi è piaciuto davvero tanto: Felicità al lavoro. Guida zen per il successo nella professione e nella vita.

Inoltre ti invito ulteriormente a scoprire quanto si può essere felici tramite un Blog per l'Anima e come si può imparare su se stessi e sulla propria attività, trasformando il lavoro in qualcosa di davvero magico e speciale.

Ti potrà essere molto utile anche la lettura dell’ ebook Lavorare con piacere grazie al DivertiMente.

E ricorda: lavorare senza amore (e senza divertimento) è schiavitù.

Voltaire diceva:

“il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio e il bisogno”.

Aveva ragione.

Non credi anche tu?

A chi potrebbe interessare questo articolo?

Puoi seguirmi qui

Ruggero Lecce

Consulente di Personal Branding Semplificato e Web marketing Creativo per liberi professionisti. E’ consulente web di alcuni dei più importanti formatori italiani, autori e personaggi noti del panorama italiano.
Autore del libro Blog per l'anima© e di video corsi sul web marketing, personal branding, blogging e crescita professionale. Come esperto di marketing scrive per diversi siti e riviste nazionali.
Ha fondato CLN Solution azienda italiana specializzata nel web marketing per professionisti e blogger. Ha collaborato con società note sia del mercato italiano che in quello internazionale. Tiene corsi di formazione per professionisti e imprenditori.

Spunti innovativi per la tua attività

Cosa scoprirai di nuovo in questi?

Ruggero Lecce

Consulente di Personal Branding Semplificato e Web marketing Creativo per liberi professionisti. E’ consulente web di alcuni dei più importanti formatori italiani, autori e personaggi noti del panorama italiano.
Autore del libro Blog per l'anima© e di video corsi sul web marketing, personal branding, blogging e crescita professionale. Come esperto di marketing scrive per diversi siti e riviste nazionali.
Ha fondato CLN Solution azienda italiana specializzata nel web marketing per professionisti e blogger. Ha collaborato con società note sia del mercato italiano che in quello internazionale. Tiene corsi di formazione per professionisti e imprenditori.

Loro dicono che...